Rosso immaginario - Il Racconto dei vasi di Caudium

Rosso immaginario – Il Racconto dei vasi di Caudium il nuovo allestimento al Museo Archeologico del Sannio Caudino di Montesarchio

Rosso immaginario – Il Racconto dei vasi di Caudium sarà presentato il prossimo sabato 20 luglio alle ore 10.30 al Museo del Sannio Caudino di Montesarchio. Il nuovo percorso espositivo racconterà con sofisticate e innovative tecnologie la storia del territorio. Una storia raccontata attraverso i vasi figurati rinvenuti nella necropoli di Montesarchio, risalenti al V-IV secolo a.C. tra cui il famoso Vaso di Assteas.

La manifestazione è organizzata dal Polo museale della Campania, diretto da Anna Imponente, con il Museo Aqrcheologico del Sannio Caudino, diretto da Ferdinando Creta. All’organizzazione collaborano anche il Gruppo di Azione Locale Taburno Consorzio, e il Comune di Montesarchio.

Il ritorno all’Olimpo di Efesto. La partenza di Trittolemo sul carro alato per donare il grano all’umanità. Storie raccontate attraverso l’uso di olografie e video

Nell’allestimento permanente le delicate immagini dei vasi raccontano, come fotogrammi in successione, i sentimenti e le emozioni di uomini e divinità. Nelle celle del carcere borbonico del Castello, in un’ambientazione insolita e suggestiva, prendono vita miti ed eroi del mondo greco. Il ritorno all’Olimpo di Efesto e il fabbro degli dei forgiatore delle armi di Achille. Il dolore di Elettra sulla tomba del padre Agamennone come la partenza di Trittolemo sul carro alato per donare il grano all’umanità. Sono solo alcune delle storie narrate in Rosso immaginario – Il Racconto dei vasi di Caudium. Storie che vengono narrate anche attraverso l’utilizzo di video, olografie e proiezioni d’immagini animate.

Il nuovo allestimento – dichiara Anna Imponente – è stato realizzato grazie alla collaborazione con il GAL Taburno Consorzio con il quale il Polo museale ha stipulato un protocollo d’intesa. Pertanto siamo fortemente persuasi che la collaborazione con tutte le strutture, gli enti, e le associazioni attive sul territorio della regione rafforzerà il nostro impegno per la valorizzazione dei musei e dei siti di pertinenza.

Le collezioni del museo unite alle installazioni multimediali– afferma Ferdinando Creta – restituiscono un coinvolgente percorso espositivo. Di particolare efficacia è la prima installazione le “Ombre della Sera”. Infatti questa installazione presenta, in una cella chiusa da una grata, numerosi crateri dalla cui imboccatura sporgono lievi sagome di figure umane. Così ad evocare il rituale funerario peculiare della necropoli di Montesarchio, dove in ogni tomba era deposto un cratere.

Un accordo – sottolinea Raffaele Amore, Presidente del Gal Taburno – che rientra pienamente nella promozione del patrimonio culturale e ambientale con iniziative che rafforzano l’identità di un territorio a forte vocazione turistica e siamo orgogliosi di contribuire al sostegno delle eccellenze del Sannio beneventano.

Informazioni per visitare l’esposizioni Rosso immaginario – Il Racconto dei vasi di Caudium

Museo archeologico del Sannio caudino – Via Castello, Montesarchio
Orario: 9.00-19.00 (ultimo ingresso 18.30); chiuso lunedì
Tel. +39 0824 83 4570 ; email pm-cam.montesarchio@beniculturali.it
Ingresso € 2,00