sabato 13 Aprile 2024
Murzillo Chic
HomeI Corti della FormicaVAPOROSA NEBBIOLINA di Paolo Capozzo

VAPOROSA NEBBIOLINA di Paolo Capozzo

Con Carmela Aria e Paolo Capozzo. Disegno luci Gianni Di Nardo. Musiche Pietro Turco. Realizzazione progetto scenografico Marina Parrilli. Foto di scena: Antonia Di Nardo. Regia Paolo Capozzo

SINOSSI: Romeo è un ex attore di teatro che, a causa di una malattia mentale degenerativa, vive recluso inun ospedale psichiatrico. Accudito amorevolmente da una Giulietta immaginaria, Romeo sembra ignorare lo squallore della realtà che lo circonda. Ma i ricordi della sua vita precedente ogni tanto riemergono, potenti e

incontrollabili, costringendolo ogni volta a rivivere quelli che sono stati i suoi ultimi momenti di consapevolezza, quando l’aggravarsi improvviso della malattia ha costretto la compagnia a interrompere lo spettacolo e la tournee. Perennemente in bilico tra realtà e allucinazione, Romeo e Giulietta tenteranno di portare a termine quell’ultima replica mai conclusa.

NOTE DI REGIA: Il carattere meta-teatrale di questo lavoro ha un peso specifico rilevante.Tutto avviene nella mente di Romeo, devastata dalla malattia, e la realtà, tragica e ineluttabile,affiora solo alla fine, seppur largamente preannunciata.Tra i personaggi shakespeariani, e i loro interpreti non esiste soluzione di continuità.

I “caratteri” si sovrappongono al punto che non è possibile distinguere i ricordi, i sensi di colpa, i pentimenti degli uni e degli altri. La malattia ha trascinato l’esistenza di Romeo dentro una malinconia intrisa di rimpianti, il più forte dei quali forse è di non essere riuscito a sottrarre la sua Giulietta al triste destino che gli è toccato. D’altro canto, la presenza di lei, è un unguento per la sua umanità a brandelli, l’unica luce dentro il buio pesto della sua pazzia.

Redazione IDN
Redazione IDNhttps://napoli.itineraridellacampania.it
EDITOR E WEB DESIGNER. NATO A VENEZIA NEL 1973, VIVO E LAVORO FRA MILANO E NAPOLI. Sono nato nel 1973 a Venezia. Nascere e vivere a Venezia significa avere la fortuna di crescere respirando il profumo dell'arte in tutte le sue espressioni, dall'architettura alla pittura fino al cinema, così sin da subito mi sono lasciato trasportare da queste sensazioni. Da prima la fotografia, poi il teatro e la televisione, fino a scoprire, verso gli anni novanta, il piacere della sintesi e dell'impatto visivo del segno grafico. E' emozionante vedere stringere nelle mani di persone che non conosci e che non mi conoscono il frutto del mio lavoro.
RELATED ARTICLES

70 COMMENTI

  1. Surreale, emotivo, profondo… una luce accesa sulla finestra di un dolore: perdere se stessi dopo essere stati così intensamente se stessi..
    La vaporoosa nebbiolina è tutto l.amore che siamo stati…per sempre.

  2. Io voto Vaporosa nebbiolina per la maestria e la delicatezza del testo e della messinscena.

  3. Io voto vaporosa nebbiolina, emozionante,poetico con eccellente recitazione

Comments are closed.

Most Popular