domenica 21 Luglio 2024
Murzillo Chic
HomeMuseiMADRE Museo d’Arte Contemporanea Donnaregina

MADRE Museo d’Arte Contemporanea Donnaregina

Palazzo Donnaregina ospita il MADRE Museo d’Arte Contemporanea Donnaregina. Il palazzo deve il suo nome al Monastero di Santa Maria Donnaregina, fondato dagli Svevi e successivamente ingrandito e ricostruito dalla regina Maria d’Ungheria, moglie di Carlo II d’Angiò. Dell’antico monastero resta l’omonima chiesa, che dà su piazza Donnaregina, e la chiesa trecentesca di Donnaregina “vecchia”. Il MADRE si trova, quindi, nel cuore pulsante del centro antico della città partenopea e a pochi passi dal Duomo, dal Museo del Tesoro di San Gennaro e dal Museo Archeologico. Il museo riqualifica e recupera un’area ricca di storia, cultura e tradizione. L’architetto portoghese Alvaro Siza Vieria ha restaurato l’antico palazzo in uno spazio funzionale per accogliere un museo destinato all’arte contemporanea. Il MADRE, su una superficie di 7.200 mq, accoglie una parte espositiva, un auditorium, una libreria, laboratori didattici, una biblioteca e una caffetteria. Il museo, inaugurato il 10 giugno 2005, si articola su tre piani, portando il visitatore alla scoperta sia delle opere di artisti come Lewitt, Koons, Paladino, Kounellis, Clemente, Long, Serra, Horn e Paolini sia dei linguaggi artistici dalla fine degli anni Cinquanta all’inizio degli anni Novanta. Il terzo piano, ospita le esposizioni temporanee.

Articolo precedente
Articolo successivo
Redazione IDN
Redazione IDNhttps://napoli.itineraridellacampania.it
EDITOR E WEB DESIGNER. NATO A VENEZIA NEL 1973, VIVO E LAVORO FRA MILANO E NAPOLI. Sono nato nel 1973 a Venezia. Nascere e vivere a Venezia significa avere la fortuna di crescere respirando il profumo dell'arte in tutte le sue espressioni, dall'architettura alla pittura fino al cinema, così sin da subito mi sono lasciato trasportare da queste sensazioni. Da prima la fotografia, poi il teatro e la televisione, fino a scoprire, verso gli anni novanta, il piacere della sintesi e dell'impatto visivo del segno grafico. E' emozionante vedere stringere nelle mani di persone che non conosci e che non mi conoscono il frutto del mio lavoro.
RELATED ARTICLES

1 COMMENTO

Comments are closed.

Most Popular