Il 1 Luglio 2021 debutta “Le Metamorfosi di Nanni” nel Duomo di Salerno per il Campania Teatro Festival

Le Metamorfosi di Nanni, uno spettacolo scritto e diretto da Barbara Napolitano e musicato da Giovanni Block. Debutta il primo luglio al Duomo di Salerno per il “Campania Teatro Festival” la fiaba musicale “Le Metamorfosi di Nanni”. Lo spettacolo è tratto dall’omonimo libro della regista e scrittrice Barbara Napolitano, edito da Guida. Il racconto mette di fronte realtà e surreale. La prima è rappresentata in scena da Lello Arena che veste i panni dell’antieroe e cerca di difendere i principi e le regole del quotidiano. Il surreale invece si racconta attraverso Giovanni Block, un moderno chansonnier che attraverso le sue favole ti rende la vita “peggio di quella che è”.

In scena Lello Arena per la prima volta con il cantautore Giovanni Block. Giovanni è anche l’autore della colonna sonora e delle canzoni dello show, tutte racchiuse in un album presto in uscita per Polosud Records. Oltre Lello Arena, Giovanni Block ha trascinato ad interpretare brani inediti tutto il cast. Un cast d’eccezzione composto da Massimo Andrei nel ruolo del narratore, Giorgia Trasselli nel personaggio comico e travolgente di “zia Tita”, Adriano Falivene nei panni di quattro clienti diversissimi tra loro, e Annarita Ferraro come avvenente “Simonetta”.

Ospite fisso nella band dello show sarà Carmine Joanna, fisarmonicista di fama internazionale da sempre in giro con “Le Cirque du Soleil”. Sonorità gitane e atmosfere circensi, accompagneranno lo spettatore in un viaggio sognante e divertente tra razionalità e sogno, tra realtà e fantasia. L’incontro/scontro è tra “Nanni” il mercante di favole (Giovanni Block) ed “Ernesto” il rappresentante di commercio (Lello Arena), entrambi ospiti di un alberghetto di periferia abitato da strani personaggi.

Il Disco. Con Lello Arena nell’inedita versione di cantante

“Le metamorfosi di Nanni” è un lavoro che viene da lontano. Nell’ottobre 2020 è uscito il libro di Barbara Napolitano edito da Guida. Solo pochi giorni dopo lo spettacolo avrebbe dovuto debuttare al Teatro Bellini di Napoli ma la nuova ondata di pandemia ha di nuovo chiuso il cast e lo ha costretto a comunicazioni social e a ripetute prove tramite whatsapp, skype e social. È proprio in questo tempo di zona rossa che le canzoni dello spettacolo hanno preso forma concreta. Sono diventate il progetto di un disco che vedrà la luce proprio il primo luglio. L’Album/colonna sonora de “Le metamorfosi di Nanni”, scritto ed arrangiato da Giovanni Block e prodotto da Polosud Records, vede tra i suoi interpreti Lello Arena nell’inedita versione di cantante, Massimo Andrei, Adriano Falivene (la “Bambinella” del Commissario Ricciardi), Annarita Ferraro.

In precedenza solo pochi monologhi del libro di Barbara Napolitano erano diventati stornelli che avrebbero visto la luce durante lo show. Al termine della zona rossa ha preso vita quest’album che vede Giovanni Block cimentarsi in un’operazione a lui familiare: unire la canzone d’autore al teatro. Come spiega lo stesso giovanni – «In passato ho composto musiche per spettacoli ma tirare fuori canzoni dai monologhi è stata un’esperienza ancora nuova – racconta il cantautore – Nello show interpreto Nanni, personaggio nel quale in parte mi riconosco per quell’attitudine alla ricerca della bellezza anche quando sembra più difficile trovarla, ma non sono un attore ed è quindi in questo disco che trovo il mio naturale luogo artistico all’interno de “Le Metamorfosi”». Ed ecco che, proprio in seguito all’incontro con Giovanni e la musica, anche Lello Arena diventa interprete da “Musical”…

Gli arrangiamenti dell’album, prodotto da Ninni Pascale presso lo studio “Il Parco” della PoloSud, sono egregiamente interpretati dai musicisti che da sempre lavorano con Giovanni Block nel suo percorso discografico: Augusto Bortoloni, Lorenzo Campese, Marcello Giannini, Enzo Lamagna, Roberto Trenca, Pasquale Benincasa, Fabio Renzullo e Roberto Schiano.

Le Metamorfosi di Nanni
Articolo precedenteTeatro in Cammino 2a edizione. Spettacoli fino all’8 agosto
Articolo successivoNotte Europea dei Musei al Parco archeologico di Ercolano