martedì 21 Maggio 2024
Murzillo Chic
HomeeventiDe Gustibus. Cibi e sapori antichi nell’Agro al Museo archeologico di Sarno

De Gustibus. Cibi e sapori antichi nell’Agro al Museo archeologico di Sarno

Fino al 21 Dicembre al Museo archeologico di Sarno De Gustibus. Cibi e sapori antichi nell’Agro

De Gustibus Cibi e sapori antichi nell’Agro al Museo archeologico nazionale della Valle del Sarno, la mostra dedicata ai cibi e sapori antichi nell’Agro. Una mostra dedicata alla produzione e al consumo del cibo nelle ville rustiche che costellavano il territorio in epoca romana.

De Gustibus racconterà l’evoluzione del gusto dall’antichità a oggi

Nell’anno del cibo italiano, l’esposizione racconterà l’evoluzione del gusto dall’antichità a oggi e lo stretto legame tra alimentazione, archeologia e paesaggio. Saranno esposti, per la prima volta, utensili, oggetti personali, affreschi, attrezzi, vasellame in terracotta, vetro e bronzo, legati alla produzione, alla lavorazione, alla conservazione, alla cottura e al consumo degli alimenti.

De Gustibus intende valorizzare e promuovere anche una riflessione sui simboli e sul significato del comportamento alimentare da ieri a oggi, sulle funzioni sociali e culturali del cibo e della convivialità che rappresenta un “luogo” privilegiato dell’incontro e dello scambio di conoscenze, parte integrante del patrimonio e dell’identità di ogni civiltà.

De Gustibus. Informazioni

Museo archeologico di Sarno, Via Cavour (Palazzo Capua), 7
Telefono 081 941451 – email pm-cam.sarno@beniculturali.it

Dal 19 ottobre al 21 dicembre 2018
Orario: 9.00-19.00 – chiuso lunedì
Ingresso gratuito

De gustibus

Redazione IDN
Redazione IDNhttps://napoli.itineraridellacampania.it
EDITOR E WEB DESIGNER. NATO A VENEZIA NEL 1973, VIVO E LAVORO FRA MILANO E NAPOLI. Sono nato nel 1973 a Venezia. Nascere e vivere a Venezia significa avere la fortuna di crescere respirando il profumo dell'arte in tutte le sue espressioni, dall'architettura alla pittura fino al cinema, così sin da subito mi sono lasciato trasportare da queste sensazioni. Da prima la fotografia, poi il teatro e la televisione, fino a scoprire, verso gli anni novanta, il piacere della sintesi e dell'impatto visivo del segno grafico. E' emozionante vedere stringere nelle mani di persone che non conosci e che non mi conoscono il frutto del mio lavoro.
RELATED ARTICLES

Most Popular