Ingresso gratuito per il penultimo appuntamento con i concerti sociali della Nuova Orchestra Scarlatti, che per l’occasione condividerà il palcoscenico con le coreografie a cura di Emma Cianchi di Art Garage

Concerto Benessere, Musica e Danza della Nuova Orchestra Scarlatti con le coreografie di Emma Cianchi di Art Garage e le musiche di J. Pachelbel, A. Vivaldi, T. Albinoni, F. J. Haydn, W. A. Mozart, G. Verdi, J. Strauss, D. Šostakovič e altri. Mercoledì 7 dicembre 2022 alle ore 20:00, con ingresso gratuito senza prenotazione al Teatro Mediterraneo della Mostra d’Oltremare di Napoli, Viale Kennedy 54.

Concerto Benessere, Musica e Danza il 7 dicembre al Teatro Mediterraneo
Nuova Orchestra Scarlatti al Teatro Mediterraneo. Photo Klaus Bunker

Un evento pieno di colori e movimento per concerto che vuole regalare un momento di benessere

Al “Concerto Benessere” la musica è gioia, un evento pieno di colori e movimento, con una ricca e varia scelta fra i più amati evergreen del repertorio classico, dal celebre Canone di Pachelbel all’Inverno di Vivaldi, da pagine dei più bei Concerti di Haydn e Mozart a Strauss e Šostakovič, eseguiti dal vivo dalla Nuova Orchestra Scarlatti.

Alcuni dei brani in programma saranno interpretati da inedite coreografie a cura di Emma Cianchi di Art Garage: centro di produzione danza, teatro e altre forme di arte contemporanea, anche nella sperimentazione di nuove tecnologie audiovisive, con performance live e installazioni sonore, attivo da molti anni e con numerose collaborazioni internazionali.

E’ un appuntamento musicale de I Campi Flegrei – “Sotto il cielo più puro”, concerti sociali per la X Municipalità, rassegna realizzata dalla Nuova Orchestra Scarlatti per il progetto Affabulazione del Comune di Napoli, attuato con fondi del MIC. Media partner RAI Campania. L’intera manifestazione è dedicata al M.° Yuriy Kerpatenko.

Per ulteriori informazioni nuovaorchestrascarlatti.it – 0812535984 – info@nuovaorchestrascarlatti.it

Articolo precedenteIl frutto del fuoco. Venerdì 2 dicembre Salone delle Feste di Villa Campolieto
Articolo successivoIntervista a Stefano Pagliani e Ilya Grubert