UGO GANGHERI & NOMADÌA

UGO GANGHERI & NOMADÌA: Uno spettacolo, firmato Nu’Tracks, che alternerà alle ballad, folk irriverente, denuncia sociale e poesia

Arrivano al teatro Bolivar, venerdì 6 maggio, “Ugo Gangheri & Nomadìa” con un evento targato Nu’Tracks. Il musicista napoletano, che da oltre vent’anni lavora al fianco di Giobbe Covatta, scrivendo e suonando le musiche di scena nei suoi spettacoli teatrali, si lascia affiancare, ormai da tempo, nelle produzioni discografiche, così come per i concerti dal vivo, da un gruppo di musicisti dando vita al progetto “Nomadìa”.

Nello spettacolo si spazierà tra ballad ed irriverenti folk, abbracciando tradizione e denuncia sociale, impegno e poesia, e sovrapponendo alla forza evocativa dei testi trame acustiche le cui suggestioni rimandano ad echi decisamente world music.

È negli anni ’70 che Ugo Gangheri inizia il suo percorso di musicista che esprimerà attraverso la forma canzone e che non abbandonerà mai. Una comunicazione “sonora” la sua, che si esprime su due binari paralleli, uno dove si ritrova compositore di brani strumentali e l’altro dove rappresenta l’essenza cantautorale per definizione.

In scena:

Ugo Gangheri – voce e corde

Antonella Maisto – voce e percussioni

Giosi Cincotti – pianoforte e fisarmonica

Umberto Maisto – corde

Pasquale Ziccardi – basso

Carlo di Gennaro – tamburi

DISCOGRAFIA :

Nel 2009 esce l’album “Ccà nun ce stanno liune” (ed. CNI) con il contributo artistico di Giobbe Covatta, Roy Paci, Patrizio Trampetti, Nino Buonocore, Kaballà, Andrea Pesce dei Tiromancino. Il missaggio del disco è stato realizzato grazie a Luciano Ligabue.

Il ricavato dell’intero progetto è stato destinati ad Amref, a sostegno del progetto “Children In Need Program”.

Nel settembre del 2012 esce il secondo progetto discografico contenente due dischi, dal titolo “L’Ammore e L’Arraggìa” (ed.CNI e ed. Record Me), con il contributo artistico di Giobbe Covatta, Enzo Iacchetti, Francesco Paolantoni, Stefano Sarcinelli, Nino Buonocore, Kaballà, Erriquez della BandaBardò, M’Barka Ben Taleb, Ginger Brew, Stefano Disegni, Principe e SocioM, Edoardo de Angelis.

Il ricavato è stato devoluto al progetto comune tra Amref ed Amnesty International sulla tutela e la salute delle donne dei paesi sottosviluppati.

Nel febbraio 2017 esce il cd “A Via d’’o Tiempo-timestreet” per la Graf music, con il contributo artistico di Erriquez della BandaBardò, Enzo Iacchetti, coro dei bambini del GOF di Timboni (Kenia).

I ricavati delle vendite sono destinati al centro GOF di Timboni Watamu in Kenia.

A Via d’o Tiempo-timestreet- ha raccolto circa 4200,00 euro che sono stati spediti a Mama Sussie, titolare di una casa di accoglienza per bambini nell’entroterra di Malindi, città del Kenya.

Nel Marzo 2019 esce il cd “Un Biplano a 6corde” autoprodotto le cui tracce sono ispirate da alcune delle sonorizzazioni scritte per il teatro nel corso degli anni.

Il ricavato delle vendite è devoluto ai volontari che si occupano di cani e gatti randagi e che operano sul nostro territorio.

Articolo precedente“Hugo Race Fatalists” Tornano dal vivo domani 29 Aprile
Articolo successivoTrianon Viviani: settimana ricca con ben 4 appuntamenti