sabato 2 Marzo 2024
Murzillo Chic
HomeeventispettacoliAdele Pandolfi al Nuovo Teatro Sancarluccio con La quinta ora

Adele Pandolfi al Nuovo Teatro Sancarluccio con La quinta ora

Adele Pandolfi protagonista dello spettacolo di Anna Mazza La quinta ora. Da venerdì 15 a domenica 17 febbraio al Nuovo Teatro Sancarluccio.

Adele Pandolfi protagonista de La quinta ora di Anna Mazza per la regia di Carlo Guitto al Nuovo Teatro Sancarluccio di Napoli. La Quinta Ora è la dimensione spazio temporale in cui incontriamo Nunzia del Gatto, insegnante di lettere. E’ proprio durante la Quinta Ora, infatti, che la professoressa Del Gatto ha ucciso Acunzo Irene, sua alunna. Perché? Senza nessun motivo, apparentemente, o forse per tanti motivi.

Il suo dialogo con il Brigadiere, interlocutore invisibile, sarà la Narrazione dalla quale lo Spettatore potrà inerpicarsi lungo i sentieri di una Storia che porta all’interno di quell’ingranaggio che, per Caso o per Scelta, può diventare da strumento di precisione, scheggia impazzita.

Ma sarà lo Spettatore a decidere quale sentiero seguire. Nunzia, infatti, racconterà la sua Storia, le sue ragioni che potranno sembrare folli o essere condivise, essere lucide o meno ai nostri occhi, ma la professoressa Del Gatto non chiede di essere capita o giustificata, né si scusa o si strappa le vesti. Racconta un mondo, il suo piccolo inferno, che forse ci spaventerà perché potrebbe essere anche il nostro.

Redazione IDN
Redazione IDNhttps://napoli.itineraridellacampania.it
EDITOR E WEB DESIGNER. NATO A VENEZIA NEL 1973, VIVO E LAVORO FRA MILANO E NAPOLI. Sono nato nel 1973 a Venezia. Nascere e vivere a Venezia significa avere la fortuna di crescere respirando il profumo dell'arte in tutte le sue espressioni, dall'architettura alla pittura fino al cinema, così sin da subito mi sono lasciato trasportare da queste sensazioni. Da prima la fotografia, poi il teatro e la televisione, fino a scoprire, verso gli anni novanta, il piacere della sintesi e dell'impatto visivo del segno grafico. E' emozionante vedere stringere nelle mani di persone che non conosci e che non mi conoscono il frutto del mio lavoro.
RELATED ARTICLES

Most Popular