Maria Clotilde Cundari

Maria Clotilde Cundari
Maria Clotilde Cundari

Maria Clotilde Cundari napoletana di nascita e napoletanissima per amore della sua città.

Maria Clotilde Cundari nata a Napoli il 5 maggio del 1950, si ritiene napoletanissima per amore della sua città, delle tradizioni, della cucina, dello sport, della musica, della fantasia, del folklore, e di tutto il meraviglioso spettacolo che offre la natura di Napoli. Maria Clotilde Cundari, due titoli di laurea e una seria dedizione al suo ruolo di insegnante svolto per quarant’anni, senza mai trascurare né la famiglia né gli hobbies: la prima, marito e due figli, i secondi, il disegno, la ceramica e, solo di recente il modellato presepiale stile ‘700 napoletano. Poi negli ultimi anni anche la tammorra, a cui si dedica suonando con il suo gruppo di amiche, “Le Signore della Tammorra”, guidate dal maestro Romeo Barbaro. Intanto la poesia ha accompagnato Maria Clotilde Cundari per tutta lavita, sempre in modo celato, trova il suo sfogo liberonella seconda parte del suo percorso, quello maturo, in cui abbandona il pudore che le aveva frenato la voglia di fare ascoltare la sua anima. Oggi Maria Clotilde Cundari esce allo scoperto e presenta le sue  poesie, per anni conservate nel cassetto dei sogni.

Dal libro di poesie “Emozioni in Parole – ‘E Pparole D”O Core
Scritto da Maria Clotilde Cundari. Edizioni Il Saggio

‘A Mela

Quanno Dio facett’o Paraviso
‘o facette comme le piaceva
‘nce mise primm’ Adamo e doppo a Eva,
e ‘o scopo Suio era ben preciso.
Facett’e piante, ‘e ciardine e pure ‘e sciure,
poi ‘nce mettette l’acqua co ‘e ruscelli…
Eva mostrava ‘e bellezze soie ‘a fora
e Adamo annuro, ‘nvece ‘e suoie  gioielli.
Po’ ‘nce  steva l’albero: chillo llà d’ ‘a mela,
ca – Nisciuno mai toccar doveva! –
ma ognuno ‘e lloro, e ‘a storia ‘o rivela,
nu pensierino ogni tanto s’ ‘o faceva.
E ‘a tentazione venette d’ ‘o serpente,
ca’ stuzzicava a Eva: “Cogli e magna!”
Vide tu, ma sta’ bestia fetente:
io vulesse sape’ ca ce guadagna
a provocà ‘sta povera guagliona
c’aspetta Adamo d’ ‘a mattina ‘a sera.
Nu jorno Adamo, pigliato d’ ‘a chiammata,
sentette salì ‘o sanghe cumm’a maie
e tanno, prennenno Eva mano ‘int ‘a mano,
dicette sti parole: “ME-LA DAI?”
Ma Eva, ch’ er’ ingenua propri’ assaie,
fraintese, e jiette a cogliere quel frutto…
e fu accussì, ca cumbinaie ‘o guaie!
Ma da tanno, ogni donna capì tutto:
‘a chillo juorno, ‘a femmena é cagnata,
e quando n’ommo chiede: “ME-LA DAI?”
…manco fernesce ‘e parlà ca’ già ‘nce’ a data

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here