Notte Europea Dei Musei
Notte Europea Dei Musei

La Notte Europea dei Musei prevede l’apertura serale prolungata per le strutture, rendendo le visite ancora più suggestive.

La Notte Europea dei Musei è un’iniziativa volta a valorizzare la cultura in tutti i paesi che fanno parte dell’Unione Europe e numerosi musei parteciperanno aprendo le proprie porte al pubblico al prezzo di 1€. Un biglietto con un costo simbolico per un evento che vuole avvicinare quante più persone possibile all’arte e alla conoscenza.

La Notte Europea dei Musei prevede l’apertura serale prolungata per le strutture, rendendo le visite ancora più suggestive. Ogni museo organizzerà anche degli eventi particolari e di seguito vi elenchiamo i più importanti.

Di seguito i principali appuntamenti per la Notte Europea dei Musei in provincia di Napoli e in città tuttavia l’elenco degli è in continuo aggiornamento e si arricchisce di nuove sedi ed appuntamenti per cui si consiglia di restare in contatto o tramite la nostra pagina facebook Itinerari Della Campania o attraverso la nostra applicazione Itinerari Di Napoli
LA FESTA DI BACCO. NAPOLI 1722 MUSICHE DI LEONARDO VINCI
Verrà presentata la ricostruzione della commeddeja di Leonardo Vinci La festa de Bacco, uno spettacolo memorabile del 1722 messo in scena al Teatro dei Fiorentini e poi nel ’32 al Teatro Nuovo sopra Toledo. Realizzata grazie a un gruppo di arie superstiti conservate presso la Santini-Bibliothek di Münster e la fantasiosa “riscrittura” di una drammaturgia destinata a collocare queste preziose “tessere” in un contesto scenico. Spettacolo realizzato da I Talenti Vulcanici della Pietà de’ Turchini, direzione Stefano Demicheli, Filippo Morace, drammaturgia e basso,Giuseppina Bridelli, mezzosoprano

Museo Diego Aragona Pignatelli Cortes e Museo delle Carrozze
Indirizzo: Riviera di Chiaia, 200
Telefono: 0039.081.7612356 – 0039.081.669675

GIGANTE E I FIGLI DEL RE
In occasione della Notte Europea dei Musei i visitatori potranno partecipare,alle ore 20, alla visita illustrata alla mostra Gigante e i figli del re. La mostra, nasce in occasione della nuova acquisizione di un acquerello di Giacinto Gigante, Veduta della costiera amalfitana, donato dal collezionista londinese Philip Athill, , facente parte di un album di 57 fogli appartenuto alla principessa Maria Pia di Borbone.
L’esposizione racconta il procedimento adottato dal maestro nell’insegnamento della pittura di paesaggio ai giovani principi di Borbone
Seguirà, alle ore 21.30, una performance teatrale sul tema della mostra, a cura del Gruppo i Danzattori di Mauro Maurizio Palumbo e Salvatore Camerlingo, con Sabrina Santoro ed altri. Il pubblico sarà attirato nel Cortile Monumentale dove si evocherà una lezione di pittura, via via trasposta, con musiche dell’epoca, in danza contemporanea con contaminazioni romantiche

Museo: Certosa e Museo di San Martino
Indirizzo: Largo San Martino, 5
Telefono: 081.2294502

Per la Notte Europea dei Musei utilizza Itinerari di Napoli per scoprire gli eventi in programma
LE MERAVIGLIE MUSICALI DEL SETTECENTO NAPOLETANO
Alle ore 19.00, nella ‘Gran Galleria’ del Museo, verrà eseguito un Concerto dell’Orchestra da camera “La Real Cappella di Napoli” a cura dell’Associazione musicale Golfo Mistico. Ivano Caiazza, direttore – Bernard Labiausse, flauto solista.
Dopo il concerto seguirà una visita alle collezione “Le porcellane della Real Fabbrica di Capodimonte”, a cura di Progetto Museo.

Museo della ceramica Duca di Martina in Villa Floridiana
Indirizzo: Via Cimarosa, 77
Telefono: 081.5781776

CALIXTO RAMIREZ . CUATROPASOS
La mostra presenta, nel Museo del Novecento a Napoli, sei lavori inediti ispirati alla città, realizzati da Calixto Ramirez per dialogare reciprocamente all’interno di un unico spazio concepito come catalizzatore di memorie, dove è possibile leggere la varietà delle suggestioni derivate dalla sua “passeggiata” attraverso Napoli, segnata da incontri ricorrenti con venditori ambulanti, ragazzini che scorrazzano per le vie dei quartieri, fra i profumi e i mercati del pesce, architetture erose e deteriorate dall’azione del tempo e simboli e segni della storia passata e recente della città. L’esperienza napoletana è così riproposta con grande intensità attraverso riferimenti e immagini fortemente evocativi, liberamente desunti dalla contraddittoria seppur affascinante situazione cittadina. La mostra sarà visitabile fino alle ore 21.30.

Castel Sant’Elmo e Museo del Novecento a Napoli
Indirizzo: Via Tito Angelini, 22
Telefono: 081 2294449
MUSICA A PALAZZO REALE
Sabato sera si svolgerà una suggestiva visita alle stanze della regina accompagnata dalla performance musicale dell’Accademia Mandolinistica Napoletana sulle note dell’opera buffa dei maestri Scarlatti, Pergolesi, Leo, Barbello, Paisiello e Cimarosa, eseguite con lo strumento che meglio racconta la storia della musica di Napoli: il mandolino.
Visite didattiche a cura di CoopCulture, Perfomance a cura dell’Accademia Mandonilistica Napoletana: Minni Diodato, Soprano – Mauro Squillante, Mandolino – Pierpaolo De Martino, Clavicembalo – Leonardo Massa, Violoncello e Calascione. Esecuzione con mandolino originale del 1773 fabbricato a Napoli da Donato Filano e con la copia di un cembalo tedesco (Christian Vater 1738).

Palazzo Reale di Napoli
Indirizzo: Piazza del Plebiscito, 1
Telefono: 081 58083289/5808325

GLI ORATORI: L’ASSUNTA
I visitatori saranno guidati alla scoperta dell’Oratorio dell’Assunta, noto anche come Cappellone dell’Assunta o Cappella degli Artisti è uno dei cinque oratori del complesso dei Girolamini. La sala era sede della Congregazione dei mercanti e degli artisti ma intesi come coloro che esercitavano lavori manuali. L’Oratorio presenta una pregevole decorazione tardo-cinquecentesca e settecentesca.

Complesso dei Girolamini
Indirizzo: Via Duomo, 142
Telefono: 081 2294571
HERMANN NITSCH – ARENA OPERE DELL’ARTE
Il Museo Nitsch di Napoli celebra i 7 anni dalla nascita con un cambio radicale della sua collezione: Arena. Opere dall’opera, è un evento straordinario che presenta infatti, un’ampia raccolta di “relitti” provenienti dalle azioni teatrali dell’artista viennese dagli anni Sessanta ad oggi di cui è stato costante testimone e raffinato mecenate Giuseppe Morra, implacabile intellettuale al servizio dell’Arte che continua a declinare attraverso peculiari progettualità socio-culturali.
Quest’ampia mostra segna una nuova tappa dell’attività di ricerca del “Museo Archivio Laboratorio per le Arti Contemporanee Hermann Nitsch” di Napoli, fondato nel 2008 grazie all’impegno di Morra, e conferma la sua mission relativa alla raccolta, esposizione e determinazione ermeneutica della produzione di Nitsch.
Opere dall’opera intende analizzare la genesi, lo sviluppo e il significativo legame con l’Orgien Mysterien Theater (Il teatro delle Orge e dei Misteri) fondato da Nitsch nel 1957, opera d’arte totale, che ne include tutta la filosofia e la pratica artistica.
I “relitti” esposti, pur collegati al momento performativo da cui discendono, vanno intesi come possibilità di rivisitare l’aura di suggestione e culto che attraversa questi oggetti percorsi da forte sensualità, rimandi e suggestioni.Su tavoli e grandi pedane, con una precisione cartesiana, Nitsch allinea e organizza materiali caldi e freddi, naturali e artificiali, montando assieme le tracce del sangue e delle sostanze organiche delle performance, con il nitore limpido dei cubetti di zucchero o la perfezione glaciale degli attrezzi chirurgici; “un’ideale sintesi unitaria del lavoro” come li definisce Nitsch

Museo archivio/laboratorio per le arti contemporanee Hermann Nitsch
Indirizzo: Salita Pontecorvo, 29d,
Telefono: 081 564165
ANIME IN SOGNO. IL CULTO DELLE ANIME ANTICHE
In occasione della Notte Europea dei Musei, tra le mura seicentesche del Complesso di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco, testimoni di un epoca di grandi contrasti ed esasperazioni sociali, il visitatore sarà accompagnato attraverso un suggestivo percorso che dalle soglie dell’ombra approderà alla pietà di un popolo che ha fatto dell’indulgenza il proprio modello esistenziale. Il culto delle anime purganti costituirà, il filo conduttore del percorso di visita. Le anime che soffrono, e continuerebbero a soffrire per l’ eternità se non fosse per la cura che i devoti rivolgono loro, sono le anime pezzentelle, che vagano in Purgatorio in cerca del refrisco, l’alleviamento delle pene, sono le cosiddette anime antiche, custodite nella chiesa de “ ’e cape e morte”, come viene definito dal popolo napoletano il Purgatorio ad Arco.

Le visite dell’apertura serale inizieranno alle ore 19:00 e proseguiranno con cadenza di 30 minuti per gruppi di max 30/35 persone. L’ultima visita verrà effettuata alle ore 23:30.

L’ingresso per l’orario desiderato deve essere prenotato: 081440438 – oppure con e-mail purgatorio@progettomuseo.com – attendendo mail di conferma.
Info biglietto: (da 19 a 25 anni; gruppi superiori alle 15 unità o singoli visitatori del Distretto Culturale di via Duomo) \ € 3,00 ridotto ragazzi ( da 7 a 18 anni) \ € 3,00 scolaresche di ogni ordine e grado \ ARTECARD

Complesso museale Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco
Indirizzo: Via Tribunali, 39  
Telefono: 3333832561

NOTTE DI SCIENZA
In occasione della Notte Europea dei Musei, promossa dal Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Città della Scienza propone “Notte di Scienza”, una festa speciale sotto le stelle per sorprendersi con i segreti della scienza tra buio e luce!
In programma attività dedicate agli amici del buio: pipistrelli, pesci abissali, insetti notturni.
Protagonisti della serata saranno giochi di luce, osservazioni del cielo, laboratori al buio e, in anteprima, il science show “Don’t call me just ballon”, che sarà presentato a fine maggio in occasione del Festival della Scienza di Lubiana.
Inoltre, il ristorante di Città della Scienza Alma Flegrea sarà aperto con musica live.

Città della Scienza della Fondazione IDIS
Indirizzo: Via Coroglio, 104/156
Telefono: 0864797634
CANTIERI APERTI. TUTTO SUI RESTAURI ESEGUITI DAL LABORATORIO DI CONSERVAZIONE E RESTAURO DEL MANN PER LA MOSTRA “MITO E NATURA “
La Notte Europea dei Musei sarà possibile visitare il Laboratorio di Conservazione e Restauro del Museo Archeologico di Napoli.
I restauratori illustreranno ai visitatori le tecniche di restauro attraverso esempi di lavori
realizzati su oggetti simili per tipologia a quelli su cui sono intervenuti in occasione della mostra “Mito e Natura. Dalla Grecia a Pompei” (lapidei, affreschi, ceramica, metalli) e saranno a disposizione per fornire informazioni e rispondere alle domande che verranno poste.

I visitatori saranno ammessi in gruppi di 20 previa prenotazione obbligatoria
al n. 0814422273

Museo Archeologico Nazionale di Napoli
Indirizzo: Piazza Museo Nazionale, 19
Telefono: 081.4422149 (Punto informazioni del Museo); 081.4422111 (centralino)
QUESTI FOTOGRAFI NON SONO IO DI CAMILLO RIPALDI
Prosegue l’intensa proposta di prestigiose mostre d’arte contemporanea al MANN Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Sabato 21 maggio alle ore 19.00, in occasione della manifestazione Notte dei musei 2016 che vedrà l’apertura straordinaria di diversi siti museali europei fino alle ore 23.00 , sarà inaugurata la mostra personale del fotografo Camillo Ripaldi dal titolo Questi fotografi non sono io, a cura di Marco De Gemmis. La mostra rientra nel progetto che il Servizio Educativo del Museo Archeologico Nazionale di Napoli ha concepito per attivare un dialogo tra il patrimonio di antichità in esso custodito ed i linguaggi della contemporaneità, vede la partecipazione della Fondazione Morra Greco ed ha ricevuto il Matronato della Fondazione Donnaregina per la Arti Contemporanee ed il patrocinio morale dell’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa.

In esposizione una selezione di opere inedite appositamente realizzate per questa occasione, nelle sale del Museo Archeologico: fotografie di grande, medio e piccolo formato ed una scultura raccontano i recenti sviluppi della ricerca dell’artista napoletano. Sin dai suoi primi lavori sensibile al tema della costruzione dell’immagine fotografica e della mistificazione della realtà che questa tenta di restituire, Ripaldi indaga l’abbassamento della capacità visiva di cui è vittima l’uomo del ventunesimo secolo, mettendo in mostra, con lucida ironia, la consapevolezza che il suo visus è definitivamente modificato dall’incessante sovraccarico iconico determinato dall’indiscriminato e reiterato utilizzo di schermi proiettanti, dei quali egli usufruisce quotidianamente per gli scopi più disparati.

Museo archeologico nazionale di Napoli
Indirizzo: Piazza Museo Nazionale, 19
Telefono: 081.4422149 (Punto informazioni del Museo); 081.4422111 (centralino)
MUSEO MADRE

Anche quest’anno il museo MADRE di Napoli aderisce alla Notte Europea dei Musei in programma per sabato 21 maggio 2016 offrendo l’apertura straordinaria fino alle ore 23.00, con ingresso a 1,00 euro a partire dalle 19:30. Un’occasione in più per visitare, in notturna, le collezioni permanenti del museo: dalle opere site-specific al primo piano alle opere presentate in spazi vari del museo nell’ambito del progetto in progress Per_formare una collezione.

Museo Madre
Indirizzo: Via Settembrini (Palazzo Donnaregina), 79
Telefono: 081 19313016