Alla libreria del Vomero “IoCiSto” Roberta D’Agostino e Martin Rua hanno presentato il nuovo libro dell’autrice Sonia Sacrato

Sabato 6 novembre alla libreria del Vomero “IoCiSto” Roberta D’Agostino con Martin Rua hanno presentato al pubblico di Napoli la scrittrice padovana Sonia Sacrato, e noi l’abbiamo intervistata per voi.

Sonia Sacrato è nata e vive a Padova. Innamorata di Torino da sempre, è venuta a Napoli per la prima volta proprio in occasione della presentazione del suo libro. Sonia, appassionata di storia e di musica, ama spesso intrecciarle alle trame in cui talvolta riporta in vita storie dimenticate.

Ha pubblicato diversi racconti in antologie e riviste online. “Governante” full-time dei Kiss, tre gattoni nati per delinquere, ma anche fonte costante di ispirazione, nel tempo libero viaggia spesso in compagnia di una coccinella di peluche che le fa da travelblogger.

Oggi è in edicola il suo nuovo libro “La mossa del gatto” edito da Newton Compton Editori, che ha già avuto il sostegno della critica e l’approvazione del pubblico. La mossa del gatto, una vecchia casa da svuotare. Una soffitta che nasconde dei segreti. Un passato che torna a galla.

sololibri.net recensisce il libro di Sonia con queste parole “Un libro avvincente, un giallo classico scritto con una prosa fresca e pulita”. Noi dopo avere letto il libro di Sonia Sacrato tutto di un fiato possiamo solo che confermare che un grande giallo!

La mossa del gatto. Le vecchie case raccontano storie, e a volte segreti inconfessabili

22 novembre 1956: le acque del Piave restituiscono il corpo della giovane Virginia. Nonostante dei lividi sospetti sul suo corpo, il medico legale certifica la morte per annegamento. L’ipotesi di omicidio è messa da parte dopo avere ascoltato la sorella della vittima e il caso viene archiviato come suicidio.

Sessant’anni dopo. Cloe – una giovane insegnante di storia dell’arte – non riesce a dire di no alla richiesta della madre che vuole il suo aiuto per svuotare la vecchia casa della nonna, Clotilde, morta da poco. Lascia quindi Alba in compagnia di Pablo, il suo gatto, alla volta di Vas, in Veneto. Cloe non ha bei ricordi legati a Vas, né alla nonna: è decisa a tornare ad Alba prima possibile. Ma il paesino ha delle sorprese in serbo per lei. Una triste storia che riguarda la sorella della nonna, che Cloe ignorava.

Un incontro con qualcuno che, da piccola, le ha fatto battere il cuore. Ma soprattutto soffitte che celano misteri e che accendono in lei un irrefrenabile desiderio di sapere. Aiutata da un carabiniere in pensione e dall’inconsapevole ma decisivo gatto, Cloe si lascerà travolgere da un’indagine che la porterà a scoperte davvero inaspettate.

Articolo precedente“Le Signore”, le donne e i cliché dell’emancipazione
Articolo successivoI vini della Campania fra storia e dati ISTAT