giovedì 22 Febbraio 2024
Murzillo Chic
HomePercorsiIl lungomare di Napoli set cinematografico all'aperto

Il lungomare di Napoli set cinematografico all’aperto

Il lungomare ha fatto da set a molti film. A via Nazario Sauro sono state girate alcune scene di Pacco, doppio, pacco e contropaccotto e Fortàpasc, mentre sull’omonima banchina che si trova sul livello del mare hanno passeggiato Eduardo de Filippo in Filumena Marturano, Marcello Mastroianni e Claudia Cardinale in La pelle. La passeggiata sul lungomare prosegue fino a via Lucilio, set di uno spassoso duetto tra Renato Rascel e Vittorio Gassman in Il giudizio universale. Consapevole che alle ore 18 ci sarà la fine del mondo, il signor Coppola può finalmente esprimere l’odio che prova nei confronti di un suo conoscente, il borioso e benestante Cimmino.
La passeggiata prosegue sino alla veduta della Fontana dell’Immacolatella, che compare in molti film. Le arcate di questa fontana monumentale sono riconoscibili in Neapolitan Mouse, episodio del cartoon Tom e Jerry e nell’episodio del funeralino de L’oro di Napoli. La Fontana dell’Immacolatella diventa luogo di incontro tra i protagonisti del film In ginocchio da te con Gianni Morandi e Laura Efrikian. Nel finale, sulle note dell’omonima canzone che dà il titolo alla pellicola, Morandi potrà riabbracciare la sua amata sullo sfondo della fontana e dichiararle amore eterno.

Il lungomare della città partenopea permette di ammirare il panorama con il golfo di Napoli, il Vesuvio, la collina di Posillipo e Castel dell’Ovo con il pittoresco Borgo Marinari.

Redazione IDN
Redazione IDNhttps://napoli.itineraridellacampania.it
EDITOR E WEB DESIGNER. NATO A VENEZIA NEL 1973, VIVO E LAVORO FRA MILANO E NAPOLI. Sono nato nel 1973 a Venezia. Nascere e vivere a Venezia significa avere la fortuna di crescere respirando il profumo dell'arte in tutte le sue espressioni, dall'architettura alla pittura fino al cinema, così sin da subito mi sono lasciato trasportare da queste sensazioni. Da prima la fotografia, poi il teatro e la televisione, fino a scoprire, verso gli anni novanta, il piacere della sintesi e dell'impatto visivo del segno grafico. E' emozionante vedere stringere nelle mani di persone che non conosci e che non mi conoscono il frutto del mio lavoro.
RELATED ARTICLES

1 COMMENTO

Comments are closed.

Most Popular