Il 14 luglio Dominc Miller ha presentato il suo nuovo album Absinthe nell’evento organizzato da Nu’Tracks a casa Tolentino. Dominc Miller ha ricevuto il premio “Rock Legend 2021” da Carmine Aymone e Michelangelo Iossa

Nu’ Tracks è un’Associazione Culturale nata nell’Ottobre del 2018 da Stefano Scopino e Anna Evangelista. L’associazione ha come obiettivi l’esplorazione di nuove realtà artistiche ed etiche, italiane ed internazionali. Realtà importanti da combinare con la scoperta o rivalutazione di luoghi in cui favorire la contaminazione culturale.

Nu’ Tracks si ispira alla filosofia dell’evento unico e irripetibile, accendendo un riflettore su luoghi, progetti artistici e attività etiche che agiscono ai margini dei circuiti commerciali. Ci parla di mondi possibili e di esplorazioni. Ci invita a guardare con occhi nuovi e curiosi ciò che già esiste e vive “dietro l’angolo” in maniera quasi invisibile. E’ proprio seguendo questa idea che mercoledì scorso Domic Miller, fidato chitarrista di Sting, è stato ospite di un evento firmato Nu’ Tracks. Dominc ha dato spettacolo con la sua sei corde per oltre un’ora e mezzo, suonando nello splendido contesto del giardino di Casa Tolentino

Il premio Rock Legend 2021 a Dominc Miller

Prima dell’inizio del concerto Dominc Miller ha ritirato il premio Rock Legend 2021. Il premio gli è stato consegnato dai giornalisti Carmine Aymone e Michelangelo Iossa ideatori della mostra internazionale sul rock e i suoi linguaggi. Il premio negli anni passati è stato assegnato a leggende come David Gilmour dei Pink Floyd, Graham Nash dei The Hollies; CSN&Y. Ma anche a Joe Satriani, gli America, Ian Paice dei Deep Purple e Uli Jon Roth degli Scorpions. Il premio che identifica la filosofia del Rock è stato assegnato anche al Premio Oscar Nicola Piovani, Carl Palmer (ELP), Phil Palmer, Adrian Maben (il regista di Pink Floyd Live at Pompei).

E ancora Fish (Marillion), Kee Marcello (Europe), Paul Whitehead (autore delle copertine dei Genesis), Eddie Kramer (ingegnere del suono e produttore di Jimi Hendrix, Rolling Stones, Led Zeppelin, David Bowie …), Carmine & Vinnie Appice, Tony Levin (King Crimson), Roger Taylor (Duran Duran), alla coreografa Karole Armitage e al fotografo del movimento punk irlandese Ricky Adam.

La leggenda Dominc Miller

Dominic Miller, più noto come il fidato chitarrista spalla di Sting, è anche un artista solista di grande successo avendo pubblicato nove album con il suo nome. L’artista gode di un’invidiabile reputazione sia nel mondo professionale della musica che tra gli appassionati di musica di tutto il mondo.

Nato a Buenos Aires da padre americano e madre irlandese. Dominc ha studiato chitarra al prestigioso Berklee College di Boston e alla London Guildhall School of Music. È un musicista di sessione ricercato dalla fine degli anni ’80 e il suo elenco di ingaggi sfida la categorizzazione. Dominc Miller ha collaborato con Phil Collins, The Chieftains, Eddi Reader, Katie Melua, Bryan Adams, Paul Young, Nigel Kennedy, Peter Gabriel e Tina Turner, per dirne alcuni.

Coinvolto in ogni album di Sting dall’album “The Soul Cages” del 1991, ha eseguito oltre un migliaio di concerti con l’ex cantante dei “Police”. Ricordiamo anche brani di successo co-scritti come “Shape Of My Heart” e “La Belle Dame senza rimpianti”.

Il nuovo album di Milles “Absenthie” dedicato al ricordo del padre

Ora con il suo nuovo album “Absinthe” (ecm 2614) Miller aggiungerà un altro pezzo forte alla sua discografia solista. Registrato nello studio “La Buissonne” nel sud della Francia con musicisti di livello mondiale – Manu Katché alla batteria, Nicolas Fiszman al basso, Mike Lindup al pianoforte, tastiere e Santiago Arias al bandoneon, ha creato un’affascinante miscela sonora di Jazz , Pop, Folk acustico, elementi classici contemporanei, latini e tango. “Assenzio” combina tutti quegli stili producendo qualcosa di completamente nuovo. Non esiste ancora un termine di genere appropriato per tale simbiosi, ma riteniamo che presto lo farà.

La Location del concerto: Casa Tolentino, un monastero fondato nel 1618 dai padri Agostiniani

Casa Tolentino nasce dal recupero del monastero fondato nel 1618 dagli Agostiniani, e ora nella gestione della cooperativa San Nicola da Tolentino. Oggi Casa Tolentino ospita un albergo di 13 camere per chi vuole vivere un turismo di tipo esperenziale.

Articolo precedenteDominic Miller presenta “Absinthe” nei suggestivi giardini di Casa Tolentino
Articolo successivoRacconto di una giornata sul monte Faito e di un teatro a impatto zero

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.