Con la luce negli occhi al Teatro TRAM uno spettacolo per celebrare Diego Armando Maradona

Il Teatro Tram celebra, a due anni dalla scomparsa, il mito di Diego Armando Maradona con lo spettacolo “Con la luce negli occhi” in scena da giovedì 24 a domenica 27 novembre.

Diego Armando Maradona il 25 Novembre 2020, in pieno lockdown, viene a mancare, la notizia della morte del Pibe de Oro viene diffusa verso le quattro del pomeriggio. In questa settimana, a due anni dalla scomparsa di uno dei più grandi protagonisti del calcio, Napoli lo ricorda. È una settimana di celebrazione per la città di Napoli: così anche il Teatro Tram celebra, a due anni dalla scomparsa, il mito di Diego Armando Maradona con lo spettacolo “Con la luce negli occhi” in scena da giovedì 24 a domenica 27 novembre.

Lo spettacolo è un’evoluzione di un progetto portato in scena al premio per regia Fantasio, il racconto scritto e diretto da Riccardo Pisani mescola la biografia del Pibe de oro con il suo significato per la città e per i tantissimi ragazzi che si sono ispirati a lui, che spiega anche il sottotitolo “Sognando Diego Armando Maradona”. Il protagonista, interpretato da Marco Aspride, è un tifoso del Napoli colto nel momento in cui apprende la morte del grande calciatore.

Cento scatti che raccontano D10S saranno proiettati nel foyer del TRAM in attesa dello spettacolo

Il lavoro si completa con due progetti audiovisuali: il primo è una raccolta di foto e/o selfie con immagini o simboli maradoniani, scattati tra Napoli e Buenos Aires per strada, nei negozi, nelle case e ovunque ci fosse la presenza del D10S. I 100 scatti selezionati sono stati raccolti in un video e saranno proiettati in scena. Nel foyer della sala di via Port’Alba, in attesa dello spettacolo, verrà inoltre proiettato un ulteriore omaggio a Diego.

“Il 25 novembre 2020, in pieno lockdown, verso le quattro del pomeriggio ora italiana, viene diffusa la notizia della morte di Diego Armando Maradona – spiega Pisani -. In scena un giovane napoletano, emigrato al nord, ma cresciuto a Napoli negli anni in cui il Pibe de Oro giocava all’ombra del Vesuvio, è immerso nella sua quotidianità, ascolta la radio, e quando viene a sapere della dipartita del più grande di tutti, incomincia un viaggio onirico tra i ricordi del passato e le difficoltà del presente.

Una riflessione sull’uomo e sul calciatore, dove l’amore per D10S assume un valore universale

Ne scaturisce una riflessione sulla figura di Diego Armando Maradona sia come uomo che come calciatore, dove l’amore per il D10S umano smette di essere una questione privata e assume un valore universale, in quanto Diego vive aldilà della morte”.

Diego Armando Maradona è stato ed è, per milioni di persone, un simbolo di rivalsa, identità e appartenenza. Diego ha letteralmente ribaltato le prospettive e ha resto possibile l’impossibile, in campo e fuori, e la sua morte è l’occasione per celebrare l’uomo, con tutte le sue fragilità e, soprattutto, in assenza di giudizio.

“Con la luce negli occhi è allo stesso tempo un atto d’amore verso il D10S umano, e un atto di denuncia contro chi, per tutta la vita, ha cercato di demonizzarlo – conclude Pisani -. E per farlo abbiamo deciso di raccontare Diego attraverso la voce e il corpo di chi l’ha saputo amare, perché ‘chi ama non dimentica’ è ben più di un semplice slogan, ma un’affermazione forte e concreta.

Marco Aspride da una scena di Con la luce negli occhi
Marco Aspride da una scena di “Con la luce negli occhi”
Articolo precedenteSopra il Vulcano. Piccola storia sonora di Napoli dai Campi Flegrei con la Nuova Orchestra Scarlatti
Articolo successivoLe visite teatralizzate riprendono al Teatro San Ferdinando da sabato 26 novembre