domenica 19 Maggio 2024
Murzillo Chic
HomeeventiAl Teatro Bolivar danza d'autore con "Voci, studi sul dialogo interiore"

Al Teatro Bolivar danza d’autore con “Voci, studi sul dialogo interiore”

Al Teatro Bolivar di Materdei prosegue la stagione teatrale con lo spettacolo di danza d’autore “Voci-studi sul dialogo interiore”.

Lo spettacolo rientra nel terzo filone della nuova stagione “B.author” dedicato alla nuova danza d’autore.  B.author e ideato da Chiara Alborino e Fabrizio Varriale, madrina Laura Valente.  Un festival dedicato alla scena contemporanea nell’ambito della danza d’Autore e la Nuova Danza.

Uno sguardo sulle realtà emergenti e quelle già consolidate della scena nazionale della danza d’autore.

Il festival crea una condizione nella quale l’artista può essere e divenire autore/to be and to become author. E’ un contesto nel quale coesistono dinamicità e dialogo, spettacolo e confronto, sostegno e produzione attraverso l’organizzazione di spettacoli, masterclass e residenze coreografiche capaci di offrire al pubblico e ai danzatori della città di Napoli un panorama eterogeneo della danza di livello innovativo.
Una stagione teatrale intensa ideata dai due direttore artistici Ettore Nigro e David Jentgens per il teatro Bolivar che intende accontentare tutti proponendo teatro di innovazione, di tradizione e danza d’autore

[cml_media_alt id='3277']danza d'autore[/cml_media_alt]

Informazioni

Il teatro Bolivar è in via Bartolomeo Caracciolo 30, Napoli. A pochi passi dalla metropolitana Linea 1 – fermata Materdei. Prezzo biglietto 15 euro. Per info 081 544 26 16 – www.teatrobolivar.com

Redazione IDN
Redazione IDNhttps://napoli.itineraridellacampania.it
EDITOR E WEB DESIGNER. NATO A VENEZIA NEL 1973, VIVO E LAVORO FRA MILANO E NAPOLI. Sono nato nel 1973 a Venezia. Nascere e vivere a Venezia significa avere la fortuna di crescere respirando il profumo dell'arte in tutte le sue espressioni, dall'architettura alla pittura fino al cinema, così sin da subito mi sono lasciato trasportare da queste sensazioni. Da prima la fotografia, poi il teatro e la televisione, fino a scoprire, verso gli anni novanta, il piacere della sintesi e dell'impatto visivo del segno grafico. E' emozionante vedere stringere nelle mani di persone che non conosci e che non mi conoscono il frutto del mio lavoro.
RELATED ARTICLES

Most Popular