Pina Amarelli ospite dei giovedì del benessere al Duca di martina

La storia di ‘un’eccellenza calabra, la Liquirizia Amarelli, raccontata da Pina Amarelli attraverso incisioni, libri e foto d’epoca della famiglia “Amarelli”

Pina Amarelli inaugura il nuovo ciclo degli ormai storici appuntamenti con il benessere, parlano della liquirizia, della sua pianta e delle sue particolari radici. Giovedì 31 ottobre 2019 tornano gli appuntamenti con il benessere al Museo Duca di Martina. L’appuntamento inaugurale del nuovo ciclo de I Giovedì del benessere è dedicato alla conoscenza della liquirizia Amarelli. La storia della liquirizia Amarelli inizia intorno all’anno Mille ed oggi è raccolta nel Museo “Giorgio Amarelli”.

Durante la presentazione sarà possibile degustare la liquirizia in tantissime declinazioni innovative

Con Pina Amarelli si scoprirà la storia di un’eccellenza calabra, attraverso incisioni, documenti, libri e foto d’epoca. Così come gli attrezzi agricoli, gli oggetti quotidiani e gli splendidi abiti antichi, illustreranno la vita della famiglia Amarelli. Una famiglia che ha valorizzato i rami sotterranei delle piante di liquirizia che crescono spontanee sulla costa ionica, diventate protagoniste di un museo unico al mondo.

Seguiranno degustazioni guidate di liquirizia, presentata in tantissime declinazioni innovative.

Luisa Ambrosio direttore del Museo illustrerà il ritratto di Placido De Sangro

L’incontro sarà preceduto da una visita illustrata da Luisa Ambrosio, direttore del Museo, al fine di ammirare il grande Ritratto di Placido de Sangro, duca di Martina, eseguito da Salvatore Postiglione dopo il 1891.

il ritratto di Placido De sangro illustrato dalla dotoressa ambrosio, direttore del Museo Duca di Martina

I Giovedì del benessere, dedicati alla salute della mente e del corpo, si svolgono ogni ultimo giovedì del mese, da ottobre a maggio. Il progetto, giunto alla V edizione, è promosso dal Polo museale della Campania, ideato e curato da Luisa Ambrosio e da Antonia Grippa, tea stylist, con la collaborazione degli assistenti museali.